“Sono Re di Misericordia…
Con la mia Misericordia inseguo i peccatori
su tutte le loro strade ed il mio Cuore gioisce quando essi ritornano da me.
Dimentico le amarezze con le quali hanno abbeverato il mio Cuore
e sono lieto per il loro ritorno…
Dì ai peccatori che li attendo sempre,
sto in ascolto del battito del loro cuore per sapere quando batterà per me”

(Parole di Gesù a Santa Faustina Kowalska)





Un blog dedicato alla Divina Misericordia
e donato al Pontefice che più ne favorì il culto: Giovanni Paolo II.

Nelle pagine a destra sono elencate le forme di culto alla Divina Misericordia.
Nei posts troverai piccoli brani tratti dal Diario di Santa Faustina Kowalska.
Benvenuto/a!


LA NOVENA ALLA DIVINA MISERICORDIA


Primo giorno

«Oggi conducimi tutta l’umanità,
e specialmente tutti i peccatori,
ed immergili nel mare della mia Misericordia.
E con questo mi consolerai dell’amara tristezza
in cui mi getta la perdita delle anime».

Gesù misericordiosissimo,
la cui prerogativa è quella d’avere compassione di noi
e di perdonarci,
non guardare i nostri peccati,
ma la fiducia che abbiamo nella tua infinita bontà
e accoglici nella dimora del tuo pietosissimo Cuore
e non lasciarci uscire di lì per l’eternità.
Ti supplichiamo per l’amore
che ti unisce al Padre ed allo Spirito Santo.

Misericordia dell’Onnipotente,
che puoi salvare l’uomo peccatore,
poiché tu sei l’oceano dell’amore,
soccorri chi t’invoca umilmente.

Eterno Padre,
guarda con occhi di misericordia
specialmente i poveri peccatori e tutta l’umanità,
che è racchiusa nel pietosissimo Cuore di Gesù,
e per la sua dolorosa Passione mostraci la tua Misericordia,
affinché per tutti i secoli possiamo esaltare
l’onnipotenza della tua Misericordia.
Amen.

(Si reciti ora la Coroncina alla Divina Misericordia)



Secondo giorno

«Oggi conducimi le anime dei sacerdoti
e le anime dei religiosi,
ed immergile nella mia insondabile Misericordia.
Essi mi hanno dato la forza di superare l’amara Passione.
Per mezzo loro, come per mezzo di canali,
la mia Misericordia scende sull’umanità».

Misericordiosissimo Gesù,
da cui proviene ogni bene,
aumenta in noi la grazia,
affinché compiamo opere di Misericordia,
in modo che quanti ci osservano
lodino il Padre della Misericordia che è nei Cieli.

Nei cuori puri alberga la sorgente
che scorre al mare dell’amor divino,
chiara quale rugiada del mattino,
più che le stelle in cielo risplendente.
 
Eterno Padre,
guarda con occhi di misericordia
la schiera eletta per la tua vigna,
le anime dei sacerdoti e le anime dei religiosi,
e dona loro la potenza della tua benedizione
e, per i sentimenti del Cuore del Figlio tuo,
il Cuore in cui essi sono racchiusi,
concedi loro la potenza della tua luce,
affinché possano guidare gli altri sulla via della salvezza,
in modo da poter cantare assieme per tutta l’eternità
le lodi della tua Misericordia infinita.
Amen.

(Si reciti ora la Coroncina alla Divina Misericordia)



Terzo giorno

«Oggi conducimi tutte le anime devote e fedeli,
 ed immergile nel mare della mia Misericordia.
Queste anime mi hanno confortato
lungo la strada del Calvario,
sono state una goccia di conforto
in un mare di amarezza».

O Gesù misericordiosissimo,
che elargisci a tutti in grande abbondanza
le tue grazie dal tesoro della tua Misericordia,
accoglici nella dimora del tuo pietosissimo Cuore
e non farci uscire da esso per tutta l’eternità.
Te ne supplichiamo per l’ineffabile amore
di cui il tuo Cuore arde per il Padre Celeste.

Non può l’uomo scrutare i tuoi portenti,
nascosti al santo come al peccatore,
Misericordia eterna del Signore,
che al cuore stringi giusti e penitenti.

 Eterno Padre,
guarda con occhi di misericordia alle anime fedeli,
come all’eredità del Figlio tuo
e, per la sua dolorosa Passione,
concedi loro la tua benedizione
e accompagnale con la tua protezione incessante,
affinché non perdano l’amore
ed il tesoro della santa fede,
ma con tutta la schiera degli Angeli e dei santi
glorifichino la tua illimitata Misericordia
nei secoli dei secoli.
Amen.

(Si reciti ora la Coroncina della Divina Misericordia)  



Quarto giorno
«Oggi conducimi i pagani
e coloro che non mi conoscono ancora.
Anche a loro ho pensato nella mia amara Passione,
ed il loro futuro zelo ha consolato il mio Cuore.
Immergili nel mare della mia Misericordia».

O misericordiosissimo Gesù,
che sei la luce del mondo intero,
accogli nella dimora del tuo pietosissimo Cuore
le anime dei pagani che non ti conoscono ancora.
I raggi della tua grazia li illuminino,
affinché anche loro assieme a noi
glorifichino i prodigi della tua Misericordia,
e non lasciarli uscire dalla dimora del tuo pietosissimo Cuore.

La tua Misericordia onnipotente
splenda su questa errante umanità,
così che, vinta ormai l’oscurità,
glorifichi il tuo amor concordemente.

Eterno Padre,
guarda con occhi di misericordia
alle anime dei pagani e di coloro che non ti conoscono ancora,
e che sono racchiuse nel pietosissimo Cuore di Gesù.
Attirale alla luce del Vangelo.
Queste anime non sanno
quale grande felicità è quella di amarti.
Fa’ che anche loro glorifichino
la generosità della tua Misericordia
per i secoli dei secoli.
Amen.

(Si reciti ora la Coroncina alla Divina Misericordia)



Quinto giorno

«Oggi conducimi le anime degli eretici e degli scismatici
e immergile nel mare della mia Misericordia.
Nella mia amara Passione
mi hanno lacerato le carni ed il cuore, cioè la mia Chiesa.
Quando ritorneranno all’unità della Chiesa,
si rimargineranno le mie ferite
ed in questo modo allevieranno la mia Passione».

Misericordiosissimo Gesù,
che sei la bontà stessa,
tu non rifiuti la luce a coloro che te la chiedono;
accogli nella dimora del tuo pietosissimo Cuore
le anime degli eretici e le anime degli scismatici.
Attirali con la tua luce all’unità della Chiesa
e non lasciarli partire dalla dimora del tuo pietosissimo Cuore,
ma fa’ che anch’essi glorifichino
la generosità della tua Misericordia.

La tua Misericordia,
che riveste di verità la Chiesa col suo raggio,
salvi coloro che ti fanno oltraggio,
strappando l’inconsutile tua veste.

Eterno Padre,
guarda con occhi di Misericordia
alle anime degli eretici e degli scismatici,
che hanno dissipato i tuoi beni ed hanno abusato delle tue grazie,
perdurando ostinatamente nei loro errori.
Non badare ai loro errori,
ma all’amore del Figlio tuo ed alla sua amara Passione
che ha preso su di sé per loro,
poiché anche loro sono racchiusi nel pietosissimo Cuore di Gesù.
Fa’ che anche essi lodino
la tua grande Misericordia per i secoli dei secoli. Amen.

(Si reciti ora la Coroncina alla Divina Misericordia).



Sesto giorno

«Oggi conducimi le anime miti e umili
e le anime dei bambini
e immergile nella mia Misericordia.
Queste anime sono le più simili al mio Cuore.
Esse mi hanno sostenuto nell’amaro travaglio dell’agonia.
Li ho visti come gli angeli della terra
che avrebbero vigilato presso i miei altari.
Su di loro riverso le mie grazie a pieni torrenti.
Solo un’anima umile è
capace di accogliere la mia grazia;
alle anime umili concedo la mia piena fiducia».

Misericordiosissimo Gesù,
che hai detto: Imparate da me che sono mite ed umile di cuore,
accogli nella dimora del tuo pietosissimo Cuore
le anime miti e umili e le anime dei bambini.
Queste anime attirano l’ammirazione di tutto il Paradiso
e trovano lo speciale compiacimento del Padre Celeste;
formano un mazzo di fiori davanti al trono di Dio,
del cui profumo si delizia Dio stesso.
Queste anime hanno stabile dimora
nel pietosissimo Cuore di Gesù
e cantano incessantemente l’inno
dell’amore e della Misericordia per l’eternità.

L’anima mite e umile di cuore
respira già qui in terra il Paradiso:
profuma l’universo,
e il dolce viso rallegra del divino suo Signore.

Eterno Padre,
guarda con occhi di misericordia
alle anime miti e umili ed alle anime dei bambini,
che sono racchiuse nella dimora del pietosissimo Cuore di Gesù.
Queste anime sono le più simili al Figlio tuo;
il loro profumo s’innalza dalla terra e raggiunge il tuo trono.
Padre di Misericordia e d’ogni bontà,
ti supplico per l’amore ed il compiacimento
che hai per queste anime,
benedici il mondo intero,
in modo che tutte le anime cantino assieme
le lodi della tua Misericordia per tutta l’eternità.
Amen.
 
(Si reciti ora la Coroncina alla Divina Misericordia)


Settimo giorno
 
«Oggi conducimi le anime
che venerano in modo particolare
ed esaltano la mia Misericordia,
ed immergile nella mia Misericordia.
Queste anime hanno sofferto maggiormente
per la mia Passione
e sono penetrate più profondamente nel mio spirito.
Esse sono un riflesso vivente del mio Cuore pietoso.
Queste anime risplenderanno
con una particolare luminosità nella vita futura.
Nessuna finirà nel fuoco dell’inferno;
io difenderò in modo particolare
ciascuna di loro nell’ora della morte».

Misericordiosissimo Gesù,
il cui Cuore è l’amore stesso,
accogli nella dimora del tuo pietosissimo Cuore
le anime che in modo particolare venerano ed esaltano
la grandezza della tua Misericordia.
Queste anime sono forti della potenza di Dio stesso;
in mezzo ad ogni genere di tribolazioni e contrarietà,
avanzano fiduciose nella tua Misericordia.
Queste anime sono unite a Gesù
e reggono sulle loro spalle l’umanità intera.
Esse non saranno giudicate severamente,
ma la tua Misericordia le avvolgerà nell’ora della morte.

Chi dona gloria alla Pietà suprema,
da questa è amato particolarmente
e sempre presso alla vital sorgente
attinge l’acqua della grazia eterna.

Eterno Padre,
guarda con occhi di misericordia
alle anime che esaltano e venerano il tuo più grande attributo,
cioè la tua insondabile Misericordia,
e che sono racchiuse nel misericordiosissimo Cuore di Gesù.
Queste anime sono un Vangelo vivente,
le loro mani sono colme di opere di Misericordia
e la loro anima è piena di gioia
e canta all’Altissimo l’inno della Misericordia.
Ti supplico, o Dio, mostra loro la tua Misericordia
secondo la speranza e la fiducia che hanno posto in te;
si adempia in essi la promessa di Gesù che ha detto loro:
Le anime che onoreranno la mia insondabile Misericordia,
io stesso le difenderò come mia gloria
durante la vita,
ma specialmente nell’ora della morte.
Amen.

(Si reciti ora la Coroncina alla Divina Misericordia)


 
Ottavo giorno
 
«Oggi conducimi le anime
che sono nel carcere del Purgatorio
ed immergile nell’abisso della mia Misericordia.
I torrenti del mio Sangue attenuino la loro arsura.
Tutte queste anime sono molto amate da me;
ora stanno dando soddisfazione alla mia giustizia;
è in tuo potere recar loro sollievo.
Prendi dal tesoro della mia Chiesa
tutte le indulgenze ed offrile per loro...
Oh, se conoscessi i loro tormenti,
offriresti continuamente per loro
l’elemosina dello spirito
e pagheresti i debiti che essi hanno
nei confronti della mia giustizia!».
 
Misericordiosissimo Gesù,
che hai detto che vuoi Misericordia,
ecco io conduco alla dimora del tuo pietosissimo Cuore
le anime del Purgatorio,
anime che a te sono molto care
e che, tuttavia, debbono soddisfare la tua giustizia.
I torrenti del Sangue e dell’Acqua
che sono scaturiti dal tuo Cuore
spengano il fuoco del Purgatorio,
in modo che anche là venga glorificata
la potenza della tua Misericordia.
Dal Purgatorio dal dolore atroce s’eleva un pianto
e un supplice pregare:
Gesù, lo puoi tu solo consolare
con l’Acqua e il Sangue che versasti in croce.

Eterno Padre,
guarda con occhi di misericordia
alle anime che soffrono nel Purgatorio
e che sono racchiuse nel pietosissimo Cuore di Gesù.
Ti supplico, per la dolorosa Passione del Figlio tuo Gesù
e per tutta l’amarezza da cui fu inondata la sua santissima anima,
mostra la tua Misericordia alle anime
che sono sotto lo sguardo della tua giustizia.
Non guardare a loro se non attraverso le Piaghe
del tuo amatissimo Figlio Gesù,
poiché noi crediamo che la tua bontà
e la tua Misericordia sono senza limiti.
Amen.
 
(Si reciti ora la Coroncina alla Divina Misericordia)


Nono giorno

«Oggi conducimi le anime tiepide
ed immergile nell’abisso della mia Misericordia.
Queste anime feriscono il mio Cuore
nel modo più doloroso.
La mia anima nell’Orto degli Ulivi
ha provato la più grande ripugnanza
per un’anima tiepida.
Sono state loro la causa per cui ho detto:
- Padre, allontana da me questo calice,
se questa è la tua volontà.
Per loro, ricorrere alla mia Misericordia
costituisce l’ultima tavola di salvezza».

Misericordiosissimo Gesù,
che sei la pietà stessa,
introduco nella dimora del tuo Cuore pietosissimo le anime tiepide.
Possano riscaldarsi nel tuo puro amore
queste anime di ghiaccio,
che assomigliano a cadaveri
e suscitano in te tanta ripugnanza.
O Gesù pietosissimo,
usa l’onnipotenza della tua Misericordia,
attirale nell’ardore stesso del tuo amore
e concedi loro l’amore santo, dato che puoi tutto.

Il fuoco e il ghiaccio mai non stanno insieme:
quello si spegne, oppure questo fonde:
sol la pietà rende feconde le sterili creature senza speme.

Eterno Padre,
guarda con occhi di misericordia alle anime tiepide,
che sono racchiuse nel pietosissimo Cuore di Gesù.
Padre della Misericordia,
ti supplico per l’amarezza della Passione del tuo Figlio
e per la sua agonia di tre ore sulla croce,
permetti che anche loro lodino l’abisso della tua Misericordia. Amen.

(Si reciti ora la Coroncina alla Divina Misericordia)